Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.

Come scattare splendide foto estive con il proprio smartphone

scattare foto

Quando si va in vacanza, che si visitino splendidi paesaggi naturali o che ci si diverta con gli amici tra party sulla spiaggia e serate in discoteca, si è soliti immortalare quei momenti col proprio smartphone. Ma come si possono ottenere fotografie che - oltre a restare sul proprio telefono - possano anche essere stampate, magari per venire raccolte in un fotoalbum?

Quando ci si trova in spiaggia, la più grande difficoltà è rappresentata dal fatto che sabbia e acqua riflettono la luce del sole, con la possibile sovraesposizione del soggetto fotografato: importante è dunque trovare la giusta location in cui realizzare lo scatto, evitando di farlo laddove ci siano troppi raggi del sole. E se poi un’immagine non convince, spesso è sufficiente sperimentare una nuova angolazione, magari alzandosi in piedi su un tavolo oppure sdraiandosi a terra per scattare una foto dal basso: sperimentare nuove posizioni può portare ad ottenere immagini dinamiche, insolite e creative. Il momento migliore per scattare, durante una vacanza al mare, è in realtà rappresentato dalle giornate nuvolose: con le nubi nel cielo la luce è più equilibrata, perfetta per immortalare ogni soggetto e molto suggestiva in caso si vogliano realizzare dei ritratti.


Inoltre, quando si scatta con il proprio smartphone, è in genere meglio evitare il flash, spesso debole e poco efficace e responsabile di un effetto piatto e artificiale: meglio evitare di scattare, quando il soggetto individuato è in una posizione troppo scura. Anche se, il segreto per scattare foto splendide, è rappresentato - prima ancora che dalla tecnica - dalla propria creatività e dal proprio pensiero: se si pensa in modo non convenzionale, se si trova la chiave per fotografare un particolare insolito, un soggetto riflesso (basti pensare alla bellezza degli edifici affacciati su di un canale), una persona su di uno sfondo originale, allora è possibile ottenere uno scatto che valga la pena d’essere stampato. E se poi si volesse ottenere un aiuto dalla tecnologia, si può sempre ricorrere ad un obiettivo esterno che - fisheye o quadrangolare - si installa sulla parte superiore dello smartphone e, a seconda del modello, ben si presta a fotografare un paesaggio, un’architettura, un ritratto. Foto da scattare quando un luogo, o una persona, ci rapiscono gli occhi e il cuore. Solo così, quella fotografia diventerà LA fotografia.