Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.

Album nascita: tutti i segreti per renderlo un ricordo eterno

alubmnascita

Quando nasce un bambino, il pensiero di mamma e papà è uno solo: conservare per sempre quei momenti, come preziosissimi ricordi nel cassetto della vita. E se il primo sguardo del proprio bimbo, il suo sorriso e la sua prima parola non si possono certo scordare, sono l’espressione con cui è venuto al mondo e i cambiamenti che il suo volto vive nei primi giorni di vita che si vorrebbero imprimere nella memoria.

Ecco dunque che, oltre che conservarli tra i più cari ricordi del cuore, si può anche riporli nel più prezioso cassetto della casa, così da sfogliarli ogni volta che se ne avverte il desiderio. Come? Creando un album nascita, da donare poi, un giorno, a quel bambino divenuto grande. Magari al compimento del suo diciottesimo compleanno, o quando lascerà la casa dei genitori per abbracciare la sua vita. Ma come si realizza, un album nascita? Innanzitutto, scegliendo il modello: sul nostro sito ne potete trovare di diversi tipi, ma ciò che vi suggeriamo noi per raccogliere gli scatti del vostro bambino è di optare per il modello Paper Back. Stampato su carta patinata da 120 grammi, con copertina su cartoncino da 300, è rilegato a libro, robusto ed elegante. Soprattutto grazie allo sfondo nero: il consiglio è infatti quello di non scegliere sfondi pasticciati, ma di utilizzarne uno nero o – al contrario – bianco, dal momento che a risaltare devono essere le fotografie.

Qui, di fotografie, ne potete inserire diverse: l’album nascita può avere tra le 40 e le 100 facciate, e permette di inserire una foto su ogni pagina e di utilizzare invece due facciate per le immagini particolarmente belle e significative. Quando selezionate le fotografie, fatelo raccontando una storia: il pancione, il momento subito prima del parto, la nascita, il primo allattamento, l’incontro con la sorellina, la prima tutina.  Eventualmente, potete inserire sotto la singola foto una breve frase, che sia un aforisma, una data, una piccola didascalia. Deve essere un vero e proprio racconto, l’album nascita. Il racconto di una vita che viene al mondo, l’inizio d’un amore che mai avrà fine.